venerdì 27 giugno 2014

Conoscere i propri collaboratori

Quando si lavora, non è possibile non esaminare i rapporti interpersonali fra individui.
Sembra alquanto incredibile ma al di sopra della bontà del proprio prodotto o servizio, al di sopra delle capacità professionali dell'imprenditore o della capacità tecnica dell'azienda (macchinari, know-how, etc...) si colloca il fattore rapporti umani.

Viviamo in un mondo che si basa sempre più sulla tecnologia e sugli strumenti che si tende, talvolta, a dimenticare quanto il fattore umano continui ad essere fondamentale e preponderante.

I rapporti fra persone SONO la parte fondamentale del lavoro per qualsiasi attività aziendale. Qualsiasi.
Ci sono rapporti fra l'interno e l'esterno, fra l'azienda e i suoi fornitori oppure fra l'azienda e i suoi clienti.

E ci sono rapporti all'interno dell'azienda stessa fra i suoi collaboratori oppure fra dirigenti e impiegati/operai.

Forse nel passato si è anche avuto timore che l'uomo potesse essere messo da parte nel processo produttivo a causa dell'automatizzazione delle industrie. Ma la produzione di beni e servizi è sempre e soltanto per l'Uomo. Quindi l'individuo può essere messo da parte su parti specifiche ma MAI riguardo la sua centralità generale all'interno di un sistema di produzione.

I rapporti umani dipendono da come gli individui si rapportano gli uni con gli altri. Gli esseri umani sono veramente complessi e pieni di molteplici aspetti da esaminare.
Sono composti da idee, esperienze, educazione ed emozioni proprie.
Ecco perchè due persone che osservano la stessa cosa ne traggono sovente impressioni o conclusioni differenti.

Sul lavoro questa differenza può diventare un problema. Perchè il fondamento di un'azienda è la collaborazione e l'organizzazione.
Per fare questo è quantomai importante conoscere i propri collaboratori e conoscere le leggi fondamentali che regolano la comunicazione fra persone.
Parliamo di regole generali che sono applicabili a qualunque aspetto della vita e non solo alle necessità di un'azienda o ai rapporti che intercorrono in una vendita o in una collaborazione lavorativa.

Le persone provano emozioni. Spesso le emozioni si sovrappongono alle idee, rendendo dipendenti le une dalle altre. La cosa può essere bella o brutta, affascinante o deleteria. Ma rimane il fatto che le persone non sono robot. E questo è un dato conclusivo.
Anzi, nel momento in cui le si spinge ad essere dei robot (con l'intento di programmarne le azioni e renderne prevedibile il comportamento) vediamo che ciò porta ad un drastico deterioramento delle abilità dell'individuo e alla sua capacità di produrre.
In pratica la soluzione per ogni azienda è avere meno robot e meno robotismo piuttosto che il contrario.

Ma comunicare con le persone richiede conoscenza e applicazione.
Tale conoscenza è disponibile.
La Learning School organizza e consegna seminari e corsi sul comportamento umano, sulla predizione dello stesso e su come di possa comunicare usando le emozioni piuttosto che subendole.

Sono disponibili anche video corsi e altri materiali di approfondimento.
Contatta la Learning School senza impegno se vuoi conoscere di più riguardo a questo soggetto.

Grazie per l'attenzione.


Nessun commento:

Posta un commento