sabato 9 agosto 2014

Usare le emozioni nel mondo del lavoro.

Nella storia umana c'è una battaglia che da secoli filosofi e pensatori continuano a far combattere.
E' la battaglia delle emozioni e dell'emotività contro la ragione e la logica.

Ci sono momenti in cui prevale una parte e momenti in cui prevale l'altra.
Chi di noi non ricorda gli studi alle scuole medie dell'illuminismo contrapposto al romanticismo?
Cuore e cervello sono gli organi umani che simboleggiano, nella loro crudezza, questa lotta e questa continua antitesi.

Ma esiste questa differenza e questo conflitto? 
O è solo una trovata di pensatori senza reali problemi quotidiani per riuscire a passare il tempo trovandosi qualcosa di inutile su cui riflettere?

Le emozioni esistono! E su questo non ci piove.
La logica esiste! E su questo non ci piove.

Ma cosa sono in realtà le emozioni e la logica?
 
Partiamo dalla logica e dal pensiero.
Il pensiero è l'attività umana per eccellenza. E' quell'attività in cui un individuo prima e un gruppo dopo, riflettono su qualcosa che hanno percepito. Esiste una percezione di qualcosa e l'individuo vi crea sopra una riflessione. La riflessione è un aggiunta speciale che l'individuo fa su un percetto ovvero su un'informazione che arriva da qualche parte.
Vediamo una bella ragazza passare per la strada e, in pochi istanti, ci facciamo su una riflessione.
Il postino ci consegna una raccomandata e, in pochi istanti, una riflessione amara e piena di proteste si crea nella nostra mente.
Percezione e riflessione.

A volte il pensiero può mescolare informazioni che ci giungono dall'esterno con passate percezioni o passati pensieri e riflessioni. Oppure il pensiero può continuare a rimescolare questi fattori senza più la presenza di una percezione nel momento in cui si pensa. Conosciamo questo fenomeno. E' capitato anche a noi ma lo abbiamo anche visto spesso. La persona cammina ma è assente. Sta "pensando". In effetti sta mescolando continuamente del materiale già presente in un processo che talvolta non è nè rapido nè molto produttivo di buoni risultati. Tutt'altro.

E l'emozione? L'emozione è semplicemente quel passaggio che fa da ponte fra il pensiero e l'azione. Si decide di fare qualcosa e l'emozione tramuta in azione quella decisione.
Una decisione a cui non si colleghi un'emozione non si tramuterà in azione.

A volte anche le emozioni si sono fatte una brutta fama. Perchè si può osservare che esistono emozioni che conducono a fare cose non necessariamente intelligenti nè benefiche. Per se e per gli altri.
Ma ciò è dovuto solo all'enorme ventaglio di emozioni che l'essere umano può sperimentare.
D'altronde l'emozione è anche un indicatore energetico dell'individuo. Più un individuo è vivo e più sarà in grado di sperimentare più emozioni e con più qualità e profondità.
Una persona apatica non piangerà ad un funerale di una persona cara nè gioirà per la nascita di un bambino.
Una persona entusiasta della vita potrebbe piangere al funerale e gioire immensamente alla nascita di un nipote.

Tutto questo cosa hanno a che fare con il lavoro?
Moltissimo.
Essendo il lavoro una parte tremendamente importante della vita dell'uomo, le emozioni giocano un ruolo determinante.

Se nel lavoro introduciamo solo logica e solo pensiero, possiamo correre il rischio che gli individui coinvolti smettano di cogliere le percezioni del presente e comincino a riflettere in continuazione sui dati e le informazioni in loro possesso da un passato più o meno lontano.
Il che non è bene.

Così non è neppure l'ideale introdurre nel lavoro solo emozione. Si possono portare le persone ad agire usando ad esempio dei toni collerici. Ma costringere le persone a fare qualcosa senza che ne comprendano i motivi e le cause non è il massimo in termini di stabilità e fiducia nel futuro.

Quindi è fondamentale comprendere un concetto:
conoscere come le emozioni sono disposte in una scala precisa e seguano delle leggi fisiche molto, molto precise è praticamente l'unica strada per riuscire a raggiungere dei buoni risultati nel lavoro (e nella vita ovviamente).
Potete anche elaborare i piani di azione più incredibili e più geniali ma non riuscire a portarli a termine perchè manca il riconoscimento dell'emozione corretta per veicolarli. Perchè le altre persone, clienti o collaboratori che essi siano, comprenderanno ciò che voi gli spiegate più per le emozioni che riceveranno che per il pensiero stesso che portate.

Così, nella vendita, si scoprirà che l'attore principale (non l'unico ma il principale) è l'emozione.
Soprattutto adesso, nel mondo moderno, in cui non si acquistano più oggetti in se ma simboli di qualcosa di più complesso ed elevato.
Non si acquista un orologio che segna il tempo ma un oggetto che da prestigio e classe.
Non si acquista un vestito ma uno status.
Non si acquista una maglietta ma una marca.... E via dicendo.

Emozioni, quindi.
Comprenderle e sapere cosa producono da sole e in relazione con le altre.
Sapere, ad esempio, che tipo di emozione occorre veicolare per vendere qualcosa ad una persona collerica o tendenzialmente incline allo scontro.

La Learning School tiene vari corsi di formazione su questo tema a imprenditori, personale e venditori.
I nostri corsi di formazione hanno lo scopo di insegnare a ottenere dei risultati. Non servono a conoscere qualche altra informazione di cultura generale in più.
I corsi di formazione sono generali o individuali. Un'esigenza per molti imprenditori che hanno la necessità che un formatore si occupi solo di lui e della sua azienda.

Contattaci per maggiori informazioni o segui uno dei nostri video dimostrativi.
(NDR: qui ho inserito il video estratto dalla pagina – al suo posto si può mettere un link!!!)

Se gradisci puoi avere anche l'opportunità di acquistare l'intero corso di "Valutare e predire il comportamento umano".
Ecco la pagina dedicata:

Grazie per l'attenzione.

venerdì 27 giugno 2014

Conoscere i propri collaboratori

Quando si lavora, non è possibile non esaminare i rapporti interpersonali fra individui.
Sembra alquanto incredibile ma al di sopra della bontà del proprio prodotto o servizio, al di sopra delle capacità professionali dell'imprenditore o della capacità tecnica dell'azienda (macchinari, know-how, etc...) si colloca il fattore rapporti umani.

Viviamo in un mondo che si basa sempre più sulla tecnologia e sugli strumenti che si tende, talvolta, a dimenticare quanto il fattore umano continui ad essere fondamentale e preponderante.

I rapporti fra persone SONO la parte fondamentale del lavoro per qualsiasi attività aziendale. Qualsiasi.
Ci sono rapporti fra l'interno e l'esterno, fra l'azienda e i suoi fornitori oppure fra l'azienda e i suoi clienti.

E ci sono rapporti all'interno dell'azienda stessa fra i suoi collaboratori oppure fra dirigenti e impiegati/operai.

Forse nel passato si è anche avuto timore che l'uomo potesse essere messo da parte nel processo produttivo a causa dell'automatizzazione delle industrie. Ma la produzione di beni e servizi è sempre e soltanto per l'Uomo. Quindi l'individuo può essere messo da parte su parti specifiche ma MAI riguardo la sua centralità generale all'interno di un sistema di produzione.

I rapporti umani dipendono da come gli individui si rapportano gli uni con gli altri. Gli esseri umani sono veramente complessi e pieni di molteplici aspetti da esaminare.
Sono composti da idee, esperienze, educazione ed emozioni proprie.
Ecco perchè due persone che osservano la stessa cosa ne traggono sovente impressioni o conclusioni differenti.

Sul lavoro questa differenza può diventare un problema. Perchè il fondamento di un'azienda è la collaborazione e l'organizzazione.
Per fare questo è quantomai importante conoscere i propri collaboratori e conoscere le leggi fondamentali che regolano la comunicazione fra persone.
Parliamo di regole generali che sono applicabili a qualunque aspetto della vita e non solo alle necessità di un'azienda o ai rapporti che intercorrono in una vendita o in una collaborazione lavorativa.

Le persone provano emozioni. Spesso le emozioni si sovrappongono alle idee, rendendo dipendenti le une dalle altre. La cosa può essere bella o brutta, affascinante o deleteria. Ma rimane il fatto che le persone non sono robot. E questo è un dato conclusivo.
Anzi, nel momento in cui le si spinge ad essere dei robot (con l'intento di programmarne le azioni e renderne prevedibile il comportamento) vediamo che ciò porta ad un drastico deterioramento delle abilità dell'individuo e alla sua capacità di produrre.
In pratica la soluzione per ogni azienda è avere meno robot e meno robotismo piuttosto che il contrario.

Ma comunicare con le persone richiede conoscenza e applicazione.
Tale conoscenza è disponibile.
La Learning School organizza e consegna seminari e corsi sul comportamento umano, sulla predizione dello stesso e su come di possa comunicare usando le emozioni piuttosto che subendole.

Sono disponibili anche video corsi e altri materiali di approfondimento.
Contatta la Learning School senza impegno se vuoi conoscere di più riguardo a questo soggetto.

Grazie per l'attenzione.


martedì 24 settembre 2013

Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano a Lugano


Abbiamo tenuto il Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano preso la Colortime a Lugano. Leggi i commenti dei partecipanti

“I benefici nel partecipare a questo intervento formativo sono stati, il riflettere e il rivedere l’enorme gamma emotiva che è presente nell’essere umano. Le aspettative sono state soddisfatte, in particolare la ricerca dell’equilibrio dell’individuo, che è un esercizio costante che tiene costantemente in allenamento la mente.” Lara

“Molti i benefici!! Ho imparato ad usare la scala del tono non solo come dati, ma ad applicare ogni singolo punto. Sono soddisfatta dalle aspettative dell’intervento formativo, e la parte più utile per me riguarda come identificare il tono cronico, perché è sempre nascosto rispetto al tono sociale.” Margherita

“Sono diversi i benefici dell’intervento formativo, quelli più importanti sono stati la scala del tono e le dinamiche sono due argomenti di notevole interesse e mi hanno soddisfatto in pieno. E’ stata utile la parte dell’esercizio perché è rappresentativo per lo scopo del corso.” Giuseppe


“In questo intervento formativo ho capito che le persone devono essere coordinate e motivate ed in questo modo si migliora il loro stato d’animo. E’ stato utile questo intervento formativo migliora i rapporti con le persone, soprattutto ho compreso come far alzare il tono le persone avvicinandomi al loro tono ed è stato importante perché è ciò che accade nella vita reale soprattutto quella lavorativa.” Daniele

“Nell’intervento formativo di oggi ho avuto la conoscenza di nuove tecniche per valutare le persone e di conseguenza migliorare i rapporti con esse. E’ stato utile l’argomento sulla scala del tono, perché mi potrà permettere di aiutare ed essere aiutato nel miglior e maggior modo possibile. Sono soddisfatto delle aspettative di questo intervento formativo.” Cristian

“I benefici da questo intervento formativo sono di aver capito nel modo migliore (vedendolo anche scritto), il comportamento delle persone in determinate situazioni della vita e del lavoro. E’ stato utile l’argomento sulla scala del tono e come individualizzare il vero tono della persona.” William

lunedì 20 maggio 2013

Ebook GRATUITO Come riconoscere i Toni Emozionali

Ora potete accedere alla tecnologia che vi permette tali valutazioni grazie a questo ebook che tratta in modo approfondito il campo del comportamento umano e fornisce la Carta della Valutazione Umana, compendio di un lungo ed esauriente lavoro di osservazione e sperimentazione






sabato 4 maggio 2013

Video Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano


www.alessandroscarfo.it
Image 1
Blog Formatore | Sito Videocorso
Video Corso
"Come Valutare e Predire il Comportamento Umano"

Ogni giorno si ha a che fare con persone. Di alcune ci si può fidare perché le si conosce, ma con altre si deve correre il rischio.
  • Come si determina se una data persona è affidabile?
  • Come si individuano le persone il cui potenziale è distruttivo?
  • È possibile prevedere cosa la persona penserà,e come agirà nei vostri confronti?




Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano
Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano
http://vimeo.com/dirigereaziende/com...

"Ogni giorno si ha a che fare con persone. Di alcune ci si può fidare perché le si conosce, ma con altre si deve correre il rischio. Come si determina se una data persona è affidabile? Come si individuano le persone il cui potenziale è distruttivo? È possibile prevedere cosa la persona penserà,e come agirà nei vostri confronti? Ora potete accedere alla tecnologia che vi permette tali valutazioni grazie al corso su Come valutare e prevedere il comportamento umano. Tale corso tratta in modo approfondito il campo del comportamento umano e fornisce la Carta della Valutazione Umana, compendio di un lungo ed esauriente lavoro di osservazione e sperimentazione. Imparando ad individuare certe caratteristiche visibili nella persona ed a riscon­trarne la posizione su questa Carta, si è in grado di determinare molto circa la persona stessa ed i suoi atteggiamenti, il suo comportamento ed il suo potenziale positivo e negativo. Si diventa infatti abili, con il continuo esercizio, a comprendere quanto quella persona sarà veramente collaborativa e quanto è solo “facciata”. Si “sa” se quell’individuo realizzerà veramente ciò che dice o se il suo potenziale di azione è troppo basso. Insomma si impara veramente a comprendere chi abbiamo di fronte e cosa può fare. L'impiego di questi dati risulta particolarmente determinante al successo dei settori delle vendite e del personale

giovedì 4 aprile 2013

Conferenza su Come Valutare e Prevedere il Comportamento Umano a Bergamo



Abbiamo tenuto una conferenza serale su Come Valutare e Prevedere il Comportamento umano a Bergamo. Leggi i commenti dei partecipanti

“Il corso è andato molto bene, e questo anche perché mi ha alzato di tono; ha soddisfatto di molto le mie aspettative. L’argomento utile è sapere come si fa a comprendere il tono e questo è facilitato se si “lancia” un problema; vi sono diversi modi per farlo: lanciando frasi o guardare cosa viene fatto o affermazioni e poi controllare il foglio completo della scala del tono. Bravi!!” Andrea

“Da questo corso le mie aspettative sono state soddisfatte e la parte più utile è stato comprendere il tono di ogni persona che non avevo notato.” Vittoria

“La serata con il suo corso e gli argomenti è stata interessante ed utile sia per il lavoro che nella vita. Io ritengo tutto quanto trattato utile.” Tiziana

“Le mie aspettative sono state molto soddisfatte, e l’argomento che è stato più utile per me è quello che riguarda la scala del tono.” Alessandro

“La serata mi ha fatto capire molte cose e queste mi hanno certamente soddisfatta. La spiegazione dei toni del carattere delle persone è stata utile.” Adelaide

“Dall’intervento formativo di questa sera è stato tutto utile e buono grazie alle spiegazioni in generale.” Luciano

“I benefici da questo corso mi hanno permesso di confermare ciò che da anni applico e questo mi ha soddisfatto. E’ stato utile comprendere i toni perché ti aiutano a raggiungere il risultato che ti sei prefissato.” Roberto

“Le mie aspettative dalla serata sono state tutte più che soddisfacenti, e utili nella vita.” Fausto

“Il beneficio è che dopo la serata sono molto più contento, questo mi ha soddisfatto. Bravo!! (al relatore).” Paolo

“Ho avuto i benefici da questo seminario, ora so come invertire il flusso quando si fa un colloquio/vendita e come risolvere un problema. La conferenza mi ha soddisfatto come sempre è stata esaustiva.” Adelio

“E’ stato un intervento formativo d’aiuto per conoscere le persone che ti circondano nel mondo del lavoro. Mi ha soddisfatto molto, grazie anche alla presentazione proiettata.” Dario

“Con questa serata ho acquisito una maggiore conoscenza della scala del tono. Le mie aspettative sono state soddisfatte perché ho trovato utile la scala del tono e l’ho compresa molto meglio.” Licia

“Dall’intervento formativo ho una maggior comprensione dei toni comunicativi, le mie aspettative sono state soddisfatte; e d’aiuto è stato l’argomento sull’analisi dei toni.” Rosandra

“In questa serata ho acquisito la casistica sui possibili soggetti in cui interfacciarsi, questo ha soddisfatto le mie aspettative e sono stati utili gli esempi sui toni.” Franco

“In questo seminario ho beneficiato di essere più consapevole e che l’opportunità è di conseguire i risultati, e questo ha soddisfatto le mie aspettative. La parte in cui il relatore ha spiegato quanto è importante raggiungere i risultati a prescindere dell’impegno. Il relatore è stato chiarissimo ed è tutto comprensibile i miei complimenti.” Danilo

“Questa conferenza mi ha fatto conoscere argomenti a me nuovi, e soddisfacenti. La parte riguardante la Scala del Tono, perché mi dà una possibilità in più per poter conoscere le persone.” Cristina

“Ho avuto i benefici dal corso e mi ha soddisfatto molto, tutti gli argomenti sono stati utili; ho capito come fare le amicizie, importanti sia nel lavoro che nella vita.” Bruno

“I benefici nel comprendere il mio status e di conseguenza poter confrontarmi con gli altri, ha soddisfatto pienamente le mie aspettative. E’ stato utile il corso in ogni argomento ed è stato molto adeguato.” Marco

“La partecipazione al corso mi ha permesso di capire la Scala del Tono molto meglio di quanto ne sapevo e questo ha soddisfatto le mie aspettative. Gli esempi pratici rendono la comprensione maggiore e questo è stato utilissimo.” Gian Battista

“In questa serata ho visto che conoscendo il tono cronico delle persone è più facile aiutarle e questo ha soddisfatto le mie aspettative. Mentre la parte utile è come riconoscere il tono cronico di una persona. Sono molto contento di aver partecipato a questa conferenza.” Fausto

“Questa serata mi ha aiutato a scoprire un aspetto dei rapporti con cui altri, che solitamente conosciamo solo in parte, questo mi ha soddisfatto molto! Gli argomenti sono stati tutti utili dall’inizio alla fine. Sei Forte!! (relatore ).” Sergio

mercoledì 13 febbraio 2013

Conferenza serale Come Valutare e Prevedere il comportamento Umano


Conferenza serale a Padova. Leggi i commenti dei partecipanti:

“In questa serata sono rimasto colpito dalla spiegazione di come riconoscere i vari toni e vorrei in futuro migliorare il riconoscimento e i comportamenti dei toni.” Nicola

“La conferenza mi ha colpito perché ho compreso la relazione della scala dei toni con la vita reale; ho capito molto meglio come individuare i  Toni dalle persone e come interessare i clienti sul prodotto in base al Tono. Penso che un ulteriore approfondimento dell’argomento sarebbe di aiuto nella fase di assunzione dei collaboratori.” Leo

“Stasera è stata davvero molto interessante l’analisi della Scala del Tono perché credo che mi aiuterà molto nei rapporti personali, ma soprattutto a  livello lavorativo. Durante questa serata mi sono già reso conto di alcune situazioni passate e presenti condizionate dal Tono di determinate persone. Inoltre ho compreso che devo migliorare le mie abilità comunicative sia nel lavoro che nella vita, e questo grazie all’analisi dei Toni nella Scala del Tono. Vi ringrazio per la bella lezione di vita.” Massimo

“Mentre facevo l’esercizio con il mio amico Nicola, ho potuto  capire perché alcune vendite  non sono andate a buon fine. Il motivo principale era che continuavo a cercare di interessare i clienti sempre dallo stesso tono, invece di scoprire esattamente il tono del cliente e portarlo finalmente ad originare.
Vorrei migliorare velocemente il mio lavoro e la mia vita, con la spiegazione semplice, ma esauriente dei Toni ora so che posso farlo.” Maurizio

“Il seminario è stato interessante e molto vivo! Bravo (relatore)! Ho il desiderio di migliorare la mia vita e il lavoro.” Alberto

“Mi è piaciuto conoscere come riconoscere in fretta, ed  utilizzando “i problemi” per individuare i Toni nelle persone. Mi sono reso conto che in passato volevo assumere una persona antagonista e mi mandava in confusione il fatto che avesse competenza; ora ho la certezza del perché e che avevo  fatto la scelta giusta nel non volerlo accanto a me nel lavoro. La parte relativa a come riconoscere i Toni, è stata interessante soprattutto per poter espandere l’azienda.” Roberto

“Con questa serata ho visto che devo migliorare la mia scala del Tono, e sono rimasto colpito dalle simulazioni dei Toni nella Scala del Tono.” Leonardo

“Questa conferenza è stata bellissima, molto semplice e applicabile senza difficoltà. Mi sarà molto utile nel lavoro, nelle amicizie, nella famiglia ecc., ma soprattutto so e posso scoprire di chi mi posso veramente fidare! Conoscere i livelli di Tono e soprattutto come riconoscerli, renderanno più agevole e semplice il mio posto di lavoro visto che devo trovare e mantenere  personale valido.” Wendy

“La conferenza è stata d’aiuto per comprendere meglio le relazioni con i dipendenti, e questo grazie agli esempi e agli esercizi fatti a coppia tra i partecipanti. Nonostante conoscessi già questi dati, ho veramente compreso quanto sia importante esercitarci. E’ stato molto divertente e d’aiuto.” Milva

“Quello che ho potuto scoprire in questa serata (nonostante io pensassi di avere già capito gran parte dei dati di questo seminario) “è” che se un individuo  non si addestra e non  usa i dati applicandoli,  poi li perde e rimane con “io già so”. Grazie per questo esauriente seminario.”  G.

“Bellissimo, questo seminario sulla Scala del Tono. Mi è stato molto utile, perché ho potuto  capire, quali sono stati i miei errori nel campo delle mie relazioni interpersonali. Ho compreso soprattutto cosa è l’antagonismo e come si manifesta.” Mario

“Mi sono divertita tantissimo e ho riscoperto l’importanza di esercitarsi per individuare correttamente i toni. Con queste esercitazioni pratiche ho potuto individuare velocemente il Tono. Sono cose fondamentali per la vita di ogni giorno.” Eleonora

“In questa serata un bagaglio in più di conoscenza per imparare a valutare le persone che mi circondano e migliorare la mia vita. Tutto grazie alla Scala del Tono.”
Emiliano

“E’ il primo seminario che seguo e mi sono resa conto che è stato davvero utile. Mi è piaciuto molto conoscere la Scala del Tono e la definizione di ogni uno di questi.
Mi ha colpito molto la spiegazione semplice di ogni specifico Tono.
Con gli esercizi ho  individuato i Toni delle diverse persone che conosco e ora credo di poter, esercitarmi con le persone e di riuscire col tempo a relazionarmi meglio con coloro che incontrerò nel mio percorso di vita.” Debora

“Sono rimasto colpito della comparazione tra le Dinamiche (come spinte di sopravvivenza della Vita) e  l’abilità di individuare il Tono esatto sulla scala del Tono.” Paolo

“Sono rimasto colpito delle esercitazioni, soprattutto quelle fatte in copia tra i partecipanti, sono state d’aiuto immediato per la mia vita.” Guerrino

“La conferenza mi ha colpito nel suo insieme, e mi aiuterà nella mia vita e nel mio lavoro.” Beniamino

“Tutta l’intera conferenza mi ha colpito in ogni parte.” Claudio

“Da questa serata ho compreso il modo in cui riconoscere il Tono di un’altra persona e migliorare il mio modo di parlare e far comprendere agli altri le mie capacità e fiducia.” Silvia

“Sono rimasto colpito del perché e dell’uso del Tono emozionale e tutto questo grazie agli esercizi.” Marzio

“Tutta la conferenza mi ha colpito, e sarà utile nel mio lavoro.” Loredana